Registrazione al Tribunale di Milano n. 324 del 10 ottobre 2014

Probiotici, alimenti funzionali, nutraceutici: ecco la rivista dedicata all'integrazione nutrizionale per una vita più sana

Il ruolo dei probiotici nel contrastare il meteorismo

Categoria: Probiotici, stomaco e intestino / March 24, 2016
Il ruolo dei probiotici nel contrastare il meteorismo

Quando il meteorismo è provocato da un’alterazione della flora batterica intestinale, assumere probiotici può aiutare a contrastare il gonfiore addominale.

I probiotici sono microrganismi in grado di esercitare effetti benefici sull’organismo, in particolare a livello intestinale. I probiotici infatti contribuiscono a riequilibrare la microflora intestinale e a mantenere in salute l’intestino perché, attraverso l’abbassamento del pH, creano un ambiente ostile per lo sviluppo di batteri dannosi e patogeni. I probiotici esercitano la loro azione favorendo la riproduzione cellulare delle pareti del colon, diminuendo la fermentazione batterica degli alimenti e riducendo l'ipermotilità gastrointestinale.

Quando assumiamo i probiotici il nostro intestino viene colonizzato da batteri benefici che contribuiscono a mantenerlo in salute. Un intestino sano è indispensabile per il benessere di tutto l’organismo poiché contribuisce non solo al buon assorbimento delle sostanze nutritive ma ci difende dalle malattie e dagli agenti tossici (infatti ha un’importante funzione immunitaria).

E’ stato dimostrato che i probiotici hanno un ruolo importante in alcune patologie e problematiche dell’apparato digerente:

Quest’ultimo è spesso provocato da un’alterazione della flora batterica intestinale. E’ opportuno quindi assumere i probiotici per contrastare il fenomeno del gonfiore addominale.

Tra i probiotici i più diffusi nei cibi sono i lactobacilli e i bifido-batteri. E buone fonti di probiotici sono presenti in tutti i latticini e, in particolar modo, nello yogurt e nel kefir, cibi però che devono essere assunti con parsimonia da chi ha problemi di meteorismo perché un consumo eccessivo aumenterebbe la fermentazione intestinale e accentuerebbe il problema del gonfiore.

Altri alimenti che contengono molti probiotici sono:

  • Il Miso: è un condimento derivato dai semi della soia gialla fermentati, arricchito con cereali quali orzo o riso. E’ molto salato quindi va usato con oculatezza per insaporire l’insalata, le zuppe o i biscotti
  • I Crauti: acquistare quelli non pastorizzati e consumarli senza riscaldarli per preservare i probiotici. Sono ricchi di sodio quindi vanno consumati con moderazione magari come contorno alla carne
  • I Pistacchi: una manciata aiuta ad aumentare il livello di batteri intestinali buoni
  • I Formaggi morbidi fermentati (tipo il formaggio svizzero)
  • Il Latticello: è il sottoprodotto della fermentazione del burro in panna. Molto popolare nell’Europa Settentrionale, è ricco di probiotici che però vengono uccisi durante la cottura. Va quindi consumato crudo da solo o come condimento per l’insalata

Ci sono inoltre dei cibi che, pur non contenendo probiotici, ne aumentano l’azione. Sono infatti ricchi di prebiotici che costituiscono il nutrimento per i probiotici.

I prebiotici derivano soprattutto dalle fibre vegetali, come l'inulina. Tra le fonti di prebiotici troviamo alimenti vegetali ricchi di fibre come asparagi, legumi, avena, aglio, tarassaco e frutta secca (in particolare le noci).

Tra le bevande, il vino rosso aumenta l’azione dei probiotici. Anche alcuni tipi di prebiotici, come ad esempio i legumi, vanno integrati con cautela in chi soffre di meteorismo per evitare di accentuare la problematica.

In alternativa alle vere e proprie fonti alimentari, sono disponibili in Farmacia, Parafarmacia o Erboristeria, prodotti freschi o liofilizzati a base di probiotici che si presentano sotto diversi formati, che vanno dalle gocce e fiale oro-solubili, alle polveri in bustine, capsule o compresse. Questi generalmente non provocano particolari effetti collaterali, quindi possono essere assunti in tutta sicurezza anche da parte di chi soffre di meteorismo e flatulenza.

Thank for sharing!

About The Author