Registrazione al Tribunale di Milano n. 324 del 10 ottobre 2014

Probiotici, alimenti funzionali, nutraceutici: ecco la rivista dedicata all'integrazione nutrizionale per una vita più sana

I probiotici fanno dimagrire?

Categoria: Probiotici, stomaco e intestino / October 14, 2016
probiotici per dimagrire

I probiotici migliorano la digestione e potenziano le difese, ma aiutano anche a smaltire i kg in eccesso?

Sempre più persone, sia adulti che bambini, assumono i probiotici per dare una mano al loro apparato gastrointestinale, per migliorare la digestione (soprattutto in caso di intolleranze alimentari), e per potenziare le difese immunitarie.

Questi integratori, infatti, altro non sono che microrganismi “buoni”, batteri benefici che una volta giunti, ancora vivi e attivi, nell'intestino, vanno a “rimpolpare” una microflora impoverita (magari a seguito di cure antibiotiche o di stress), e la aiutano a svolgere al meglio le funzioni digestive.

 

Ma se una cura a base di batteri può aiutare il processo digestivo e metabolico, è anche in grado di aiutarci a dimagrire?

E’ una domanda più che legittima, del resto sappiamo che spesso la tendenza ad accumulare peso, in particolare depositi lipidici a livello addominale o ritenzione idrica, è la conseguenza di squilibri metabolici, di un processo digestivo incompleto e rallentato, di sensibilità o intolleranze alimentari occulte che provocano infiammazione a livello intestinale.

Ed ecco la domanda che sorge spontanea: se digerisco meglio, se il mio stomaco e il mio intestino svolgono al meglio le loro funzioni e smetto di soffrire di stipsi o di meteorismo, allora perderò il mio peso in eccesso? La risposta è sì. E no.

Da un lato, proprio per le ragioni che abbiamo visto, l’integrazione dei probiotici favorisce una completa e ottimale assimilazione delle sostanze nutritive, e questo permette anche di accelerare il metabolismo e quindi di bruciare più rapidamente le calorie ingerite. Così, il nostro organismo è finalmente libero di accogliere le sostanze nutritive che gli servono e smaltire rapidamente tossine e scarti. Nessun ingombro ulteriore, quindi pancia più piatta, e sensazione di leggerezza.

 

Detto questo, dobbiamo sempre tenere in conto che i probiotici non sono miracolosi.

Se assumiamo più calorie di quanto il nostro fabbisogno energetico richieda, non possiamo pretendere che il solo fatto di digerirle prima e meglio ci salvi dal pericolo dei cuscinetti.

Seguire una dieta ipocalorica – mai, però, inferiore alle 1200 calorie al giorno per un adulto – è indispensabile per dimagrire anche se buona parte del nostro peso in eccesso è costituito da adipe e ritenzione idrica da infiammazione. Certi cibi, se consumati in eccesso, possono infatti scompensare l’organismo inducendo una reazione di rigetto e di difficoltà assimilative che inducono effetti a cascata come l’aumento di insulina e di colesterolo nel sangue e quindi la tendenza all'accumulo adiposo.

I colpevoli sono soprattutto carboidrati raffinati, ovvero zuccheri, e grassi trans.

 

Per tale ragione, nell’ambito di una strategia mirata alla perdita di peso, non si può solo guardare al taglio delle calorie, supponendo che poi l’assunzione dei probiotici completi il quadro permettendoci di dimagrire facilmente proprio nei punti critici.

L’ideale sarebbe quello di studiare un regime alimentare certamente meno calorico, ma soprattutto mirato a ridurre l’assimilazione di grassi e zuccheri e accelerare il metabolismo. Una dieta bilanciata, sana e ipocalorica è infatti indispensabile per smaltire i chili di troppo, mentre l’assunzione di probiotici è un valido aiuto soprattutto se e quando il sovrappeso è determinato da problemi digestivi, deficit enzimatici e infiammazione da cibo.

Thank for sharing!

About The Author