Registrazione al Tribunale di Milano n. 324 del 10 ottobre 2014

Probiotici, alimenti funzionali, nutraceutici: ecco la rivista dedicata all'integrazione nutrizionale per una vita più sana

Probiotici in gravidanza per prevenire le allergie nei bambini

Categoria: Probiotici e allergie / June 26, 2015
Probiotici in gravidanza per prevenire le allergie nei bambini

Rinite allergica, asma e dermatiti nei bambini si prevengono già in gravidanza. L’assunzione di probiotici da parte della futura mamma è consigliata contro le allergie.

Un bambino su quattro in Italia sviluppa una qualche forma di allergia. Si tratta di dati sconcertanti, considerando che la diffusione di questo tipo di patologie è aumentata vertiginosamente negli ultimi 20 anni, andando ad incidere in modo importante anche sulle spese del Servizio sanitario nazionale, oltre che sulla qualità di vita dei piccoli pazienti.

Tra i sintomi allergici più comuni nella popolazione infantile troviamo la rinite allergica, seguita dall’asma e dai disturbi gastrointestinali e dermatologici tipici delle allergie alimentari.

Gli allergeni che provocano nei nostri piccoli queste reazioni anomale del sistema immunitario sono tantissimi: cibi e sostanze alimentari, acari della polvere, composti chimiche e metalli, pollini ecc.

I bimbi allergici devono combattere con i loro disturbi usando come terapia d’elezione i farmaci antistaminici e cortisonici aventi lo scopo di ridurre l’infiammazione e inibire le reazioni immunitarie, ma senza dubbio la cura migliore resta la prevenzione.

A tal proposito l’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) in collaborazione con i pediatri dell’Ospedale Bambin Gesù di Roma, ha stilato alcune semplici linee guida che partono dalla gravidanza.

Grazie alla sperimentazione condotta su mamme in attesa, bambini e adolescenti, si è scoperto che se le donne in gravidanza assumono probiotici, ovvero fermenti lattici che vanno a migliorare la loro flora batterica intestinale (che costituisce, lo ricordiamo, il nostro primo fronte di difesa contro i germi patogeni), anche il loro bambino ne beneficerà, vedendo ridotto il rischio di nascere con la predisposizione alle allergie.

I probiotici in dolce attesa riducono del 9% il rischio che il bambino sviluppi la fastidiosa dermatite atopica (o eczema del bambino), e tale rischio scende ancora di più (- 15%) se i probiotici vengono assunti anche in fase di allattamento.

I fermenti lattici vivi da assumersi in questi casi sono, per la maggior parte, batteri che già sono presenti nel nostro corpo, come i lattobacilli, e altri appartenenti alle famiglie dei Lactococcus, Leuconostoc, Pediococcusum ecc. Li troviamo in farmacia sotto forma di compresse e bustine da sciogliere in un liquido, e in effetti sono anche abbastanza costosi.

Un consiglio per le future mamme può però essere quello di assumere ugualmente gli ottimi batteri dei probiotici e così offrire una chance in più al proprio bambino di non sviluppare forme allergiche, mangiando regolarmente lo yogurt addizionato di probiotici o preparandolo fresco in casa. Non è difficile, basta acquistare una yogurtiera e partire da un vasetto già pronto (meglio se di yogurt fresco di latteria).

Se la mamma è a sua volta allergica ai latticini o intollerante al lattosio, può comunque assumere i probiotici di farmacia perché non derivati dal latte. In teoria potrebbe assumere anche lo yogurt, ma se questo dà problemi è comunque meglio evitarlo.

E’ infine importante, per prevenire le allergie infantili soprattutto di tipo respiratorio, allattare al seno il bebè in modo esclusivo per tutti i primi sei mesi di vita e, anche dopo lo svezzamento, dare il seno a richiesta almeno per altri sei mesi. Nel latte materno, ancor più se la mamma assume i fermenti lattici, sono infatti presenti quegli anticorpi e quei batteri buoni che vanno a colonizzare il suo intestino ancora sterile fortificandolo.

Thank for sharing!

About The Author